Oltre l’alimentazione dello sportivo

Luca Speciani, Lyda Bottino
Oltre l’alimentazione dello sportivo
Ed. Correre (settembre 2011), pag. 247 – € 28,00

Le basi scientifiche dell’alimentazione sono in rapida, rapidissima evoluzione. Spesso però le tematiche trattate riguardano espressamente il dimagrimento, oppure servono a contrastare precise patologie. L’insieme degli sportivi costituisce in un certo senso un universo a parte, con specifiche esigenze nutrizionali, caloriche, vitaminiche. E dinamiche di consumo, di utilizzo antiossidanti e richieste energetiche che esulano completamente dagli schemi del rigido controllo calorico.

L’alimentazione quotidiana di chi pratichi sport, amatoriale o agonistico, di squadra o individuale, deve prevedere quantità adeguate di nutrienti e calorie, organizzandole in modo da essere un insieme coerente di stimoli adattativi allo sforzo espresso.
Questo vale sia gli agonisti che per chi semplicemente vada al parco la domenica nel tentativo di smaltire un po’ di ciccia. O i segnali ipotalamici sono corretti, oppure non si fa muscolo e non si dimagrisce: si può solo deperire seguendo la vecchia logica del conteggio delle calorie, ormai scientificamente obsoleta.

Il volume, in 250 pagine fitte di informazioni, tratta molti argomenti, tra cui casi clinici, esempi di diete, analisi del costo del sovrappeso, valutazione di esami del sangue (diversi in chi fa sport rispetto al sedentario!), l’analisi della composizione corporea, la valutazione dello stato di forma, la necessità di integrazione alimentare, proteica o minerale, le modifiche alimentari in funzione dell’orario di allenamento, l’interferenza dei farmaci sulla prestazione, il rischio “doping” e molti altri punti di collegamento tra salute, prestazione e alimentazione.

Si parla di alimentazione in allenamento, ma anche direttamente nella giornata della prestazione, prima della gara, durante e dopo. L’utilizzo sotto sforzo di soluzioni glucosate sta via via affermandosi come metodo di grande efficacia: qui ne vengono sviscerate le basi scientifiche, e viene riportata l’esperienza pluriennale degli autori con la squadra nazionale italiana di ultramaratona.

Nell’ambito degli sportivi, emergono esigenze peculiari delle donne, sia in relazione ad una pratica agonistica, sia dilettantistica o allo scopo del raggiungimento di un più corretto peso-forma. La dr.ssa Lyda Bottino, farmacista nutrizionista e maratoneta, tratta un ampio capitolo su questi aspetti, anche discutendo tematiche legate a gravidanza e allattamento, al ciclo mestruale o ai disturbi del comportamento alimentare (anoressia e bulimia sportiva).

Il dott. Attilio Speciani sviluppa invece un intero capitolo sulle allergie alimentari ritardate nello sportivo (intolleranze) esaminando con attenzione non solo le ultime ricerche scientifiche sull’argomento, ma anche gli effetti diretti e indiretti (ritenzione idrica, infiammazione generale) sulla prestazione, in ambito più strettamente sportivo. Un contributo prezioso che rende il libro davvero unico.

Una ricca bibliografia scientifica, suddivisa per argomento, va ad arricchire l’opera, rendendola anche fonte di utile consultazione per tutti gli operatori del settore, medici, allenatori, personal trainer interessati a capire le reali motivazioni delle scelte alimentari dei loro pazienti o atleti.

Indice del libro
Prefazione

cap. 1 L’ALIMENTAZIONE DELLO SPORTIVO

– Nuove dinamiche per capire come nutrirsi PAG 13
– Il costo del sovrappeso nello sportivo PAG 20
– Il controllo della composizione corporea PAG 23
– Il controllo dello stato di forma nell’atleta PAG 30

cap. 2 LE QUATTRO PRIORITA’ NUTRIZIONALI DELL’ATLETA
– Normocaloricità e normoproteicità PAG 47
– L’equilibrio minerale e il recupero selettivo nell’atleta PAG 54
– L’idratazione nell’atleta PAG 59
– Il controllo dell’infiammazione e dell’ossidazione cellulare PAG 60

cap. 3 ALIMENTAZIONE QUOTIDIANA GIFT: PERCHE’?
– Colazione abbondante e completa PAG 67
– L’annosa questione delle proteine PAG 70
– Glicemia e ingrassamento PAG 74
– Libertà nel consumo di frutta e verdura fresca PAG 79
– Fibra in quantità PAG 83
– Masticare lentamente PAG 86
– Junk Foods: “Alimenti” spazzatura PAG 87
– La base alimentare dell’atleta deve essere Gift PAG 97

cap. 4 PROBLEMATICHE ALIMENTARI SPECIFICHE DELLO SPORTIVO
– Come alimentarsi ogni giorno PAG 102
– Che tipo di alimentazione e allenamento scegliere PAG 106
– Come controllare gli esami del sangue PAG 109
– Come evitare di assumere farmaci inutili o anche dannosi PAG 115
– Come evitare di cadere nelle trappole del doping PAG 123
– Alimentazione e prestazione: prima della gara PAG 134
– Alimentazione e prestazione: durante la gara PAG 140
– Alimentazione e prestazione: dopo la gara PAG 154

cap. 5 LE INTOLLERANZE ALIMENTARI NELLA PRESTAZIONE SPORTIVA PAG 157

cap. 6 ALIMENTAZIONE PER LA DONNA CHE FA SPORT
– Sport, cibo e funzioni riproduttive PAG 176
– Problematiche legate al ciclo mestruale PAG 183
– Risposte patologiche peculiari femminili PAG 187
– Diversa forma del corpo PAG 189
– Malattie autoimmuni: perchè la donna ne soffre di più? PAG 194
– Anoressia, bulimia e DCA nella donna che fa sport PAG 196
– Conclusioni

cap. 7 ALIMENTAZIONE ED INFORTUNI PAG 213

cap. 8 BIBLIOGRAFIA E LINK PAG 235

2017-06-26T13:40:39+00:00