Attilio e Luca Speciani
Ed. Giunti Demetra 2009, pag. 128 – € 9,50

I Quaderni di Eurosalus: volumi controcorrente su alcune delle patologie più comuni del nostro tempo.

Sempre e solo questioni psicologiche? C’è qualcosa oltre a conflitti familiari irrisolti, conflittualità con il cibo ed errata visione del nostro corpo?

Gli autori provano a gettare una nuova luce su una questione scottante che tocca tradizionalmente l’universo femminile delle giovani e giovanissime, ma che spesso allunga tentacoli anche verso giovani signore e ragazzi che stentano a costruire un buon rapporto con il proprio corpo.

Forse ci sono strade nuove e poco battute per affrontare la questione da altre prospettive, anche cercando alcune spinte profonde in certi sterotipi alimentari e in certe forzature dettate dalle dieta ipocaloriche.

La tesi straordinaria e controcorrente è che il cibo stesso possa indicarci una via possibile, per prevenire, in prima istanza, ma anche per affrontare concretamente, il disagio dei “disturbi del comportamento alimentare” come anoressia e bulimia.

L’informazione e la domanda, anche controcorrente, sono gli stimoli con cui gli autori ci guidano in questo approfondmento. Chiaro, completo, comprensibile.


Indice del libro

Eurosalus, dalla parte del paziente: una breve introduzione
La rivoluzione di Internet 9
Il paziente “superesperto” 10
Dalla parte del paziente 11
I contenuti di ogni volume 14

1. Inquadrare il problema
Conoscere le cause 17
Anoressia: da emblema di santità a malattia 18
Alcuni dati numerici sull’anoressia 20
Adolescenti a rischio 20
Bulimia, ovvero la fame insaziabile 22
I precedenti storici della bulimia 24
Non più adolescenti 25
Le bulimiche sono anoressiche deboli 26

2. Casi clinici
Un ambiente patogeno 28
Le diete ipocaloriche non funzionano mai 29
Valeria: una vita di diete 31
Sofia e le mestruazoni scomparse 33
Monica, le diete e il terrore di reingrassare 36
Marta: bulimica o denutrita? 38

3. Che cosa dicono i “sacri testi”
Spiegazioni insoddisfacenti 42
Le ipotesi riduzioniste 43
I segnali di fame o sazietà 43
I mediatori della fame/non fame 44
Il segnale leptinico nell’anoressica 46
La leptina nell’obeso e nel bulimico 48
Anoressia, bulimia e sport 49
Distribuiamo le colpe 50

4. I perché di un approccio integrato
Quella fame repressa: la sponda biologica dell’anoressia 51
Quella fame tremenda: la bulimia come patologia evitabile 58

5. Terapie a confronto
Prima la diagnosi… 64
Le terapie psicologiche 65
Le terapie naturali 70
Sinergie necessarie 73

6. Approccio psicologico e stile di vita
Fattori culturali e sociali 74
Perfezionismo sportivo e compulsione 75
Sport sano e meno sano
L’identificazione con il proprio peso 77
Ritratto psicologico della bulimia 78
La conferma ci viene dalla scienza 80

7. L’approccio alimentare
L’incontro in studio con l’anoressica 81
Affrontare la bulimia dal punto di vista alimentare 84
Esempio di dieta di “ritorno” dall’anoressia 85
Una dieta sbagliata 86
Prevenire le patologie alimentari 88
I segnali di carestia 88
Una piccola rivoluzione 89
DietaGIFT: una dieta di segnale 90
Attivare il metabolismo 90
Il buongiorno si vede dal mattino 91
Il lavoro dell’insulina 92
Cosa fare in pratica 94
Fresco, vivo, crudo, colorato e naturale 96
Dieci regole per stare bene 97
LE DIECI REGOLE DI DIETAGIFT IN BREVE 98

8. Miti e credenze su anoressia e bulimia
Errate convizioni 101
Cattiva pubblicità e disinformazione 104

Domande frequenti (FAQ) su anoressia e bulimia 107

Bibliografia e sitografia
Per chi vuole saperne di più 115
Bibliografia di approfondimento specifico 118
Sitografia 124
Gli autori 127